PENSIERO

Con la solennità della Pentecoste si chiude il Tempo pasquale, ma i frutti della prima Pasqua e della prima

Pentecoste non rimangono chiusi in se stessi; sono dati alla Chiesa per sempre ed essa vive di questi doni.

Dalla pagina giovannea di questa domenica evinciamo che lo Spirito Santo è presentato come interprete in

pienezza delle parole di Cristo, che sa svelare tutte le dimensioni e tutti i segreti. Non per nulla viene

identificato come “Spirito di Verità”. Per noi “verità” e ”veridicità” sono due termini omologhi, tesi a

rappresentare l’autenticità di un messaggio o di un evento. Nel mondo di s. Giovanni invece “verità” e

“vangelo” camminano a braccetto, e “vangelo”, a sua volta, cammina a braccetto con Cristo, la verità

sempiterna dell’uomo e per l’uomo. È proprio lo Spirito Santo a riproporre alla Chiesa il Vangelo e a

renderlo luce capace di muovere ancora dopo duemila anni le coscienze verso la salvezza, scuotendole dal

torpore e dall’indifferenza che tanto tristemente caratterizzano la nostra epoca. Nell’adesione alle mozioni

dello Spirito in noi obbediamo alla Sacra Scrittura, i nostri occhi si velano di lacrime di conversione, le

nostre mani si fanno operose verso i bisognosi e i nostri passi, sovente stanchi e senza gioia, si fanno forti di

entusiasmo per ciò che Dio per mezzo del suo Figlio e nell’unità dello Spirito Santo si degna di donarci. La

Pentecoste è, allora, simile all’alba della vita nuova dell’uomo, la vita che non ha fine, la cui speranza fa

passare ogni tribolazione e riposa nell’amore eterno di Dio.

 

 

 






Papa Francesco
Papa Francesco

Mons. Corrado Sanguineti
Mons. Corrado Sanguineti
Biografia
Nato a Milano il 7 novembre 1964; ordinato sacerdote il 30 ottobre 1988.
E’ stato Pro Vicario Generale della Diocesi ligure, parroco prevosto della Cattedrale “Nostra Signora dell’Orto” in Chiavari, direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Mater Ecclesiae” presso il quale è stato docente di biblica, referente diocesano per il progetto culturale e direttore dell’ufficio catechistico.
Eletto vescovo di Pavia il 16 novembre 2015.


IN PRIMO PIANO